Spunta il software per i sordomuti

La novità introdotta dal Comune di Grosseto e Sistema srl, è un’applicazione in grado di rendere più facile il compito dei sordomuti nel pagare i parcheggi comunali attraverso le casse elettoniche di Via Amiata, Via Oberdan, Porta Corsica e Marina di Alberese. La funzione, ottenuta da un aggiornamento del software, espressa dal caratteristico simbolo di un orecchio sbarrato, dopo averci cliccato sopra si aprirà una finestra  con quattro domande preimpostate che corrispondono ai principali problemi che impediscono l’uscita dal parcheggio. “Ho un tesserino disabili”, “sono bloccato in uscita”, “non trovo la mia targa”, “banconota o moneta incastrata”. Dopo aver cliccato sulla voce corrispondente alla questione, apparirà una tastiera alfanumerica con cui il sordomuto potrà attivare una vera e propria chat con l’operatore ed ottenere le risposte che cerca. “Abbiamo preferito la chat agli sms – spiega Ceccarelli – che avrebbero creato problemi di tempo nelle risposte, che in questi casi devono essere tempestive”

Annunci